Il gìoco è riservato ai maggiorenni e può creare dipendenza patologica.

Legal Icons
Casinó

Blakjack, Quando conviene arrendersi (Surrender)

Una delle decisioni che i giocatori di blackjack hanno a disposizone durante una partita al casinò tradizionale oppure online è quella di “arrendersi”. Spieghiamo in poche parole cosa significa scegliere di “Surrender”, ovvero arrendersi, durante una mano.

Se una volta ricevute le vostre due carte e, comparato la vostra mano con la carta scoperta del dealer, avete l’impressione che non avete molte chance di vincere quella mano, alcuni tavoli vi danno la possibilità di arrendervi e foldare come in una partita di poker. L’azione normalmente implica la perdita di metà di metà della scommessa iniziale.

Molti giocatori evitano il “surrender” in quanto preferiscono semplicemente giocarsela e vedere che succede. Come vederemo successivamente però, il surrender potrebbe rivelarsi una mossa intelligente in certe situazioni.

Prima però, è importante capire la matematica dietro la decisione di arrendersi. Considerato che perderete metà della vostra scommessa iniziale, ossia il 50%, ha senso ritirarsi solo in quelle situazioni dove le chance di perdita sono superiori al 50%. Statisticamente parlando, se state giocando una mano che possiede per esempio meno del 25% di chance di vincere (e quindi un 75% di possibilità di perdita), arrendersi diventa la miglior opzione rispetto a quella di continuare fino alla fine della mano.

Poniamo un esempio reale. Supponiamo che abbiate pescato un 10 e un 6 mentre la carta scoperta del dealer è un 10. Questa è la peggior mano di blackjack che possiate ottenere che vi presenta tre possibili azioni successive: chiamare, stare o arrendersi. La percentuale di successo sono indicate qui sotto:

STRATEGIA VINCITA PERDITA PERDITA %
CHIAMARE 23,4% 76,6% 53,2%
STARE 22,8% 77,2% 54,4%
ARRENDERSI 50% della puntata 50% della puntata 50%

Le percentuali riportate qui sopra indicano che stando con un 16, avrete una possibilità di perdere la mano del 77,2%. Chiamare migliora un po’ la situazione, ma non di molto. È a questo punto che arrendersi si rivela la mossa migliore, o per lo meno quella che vi farà perdere meno soldi. Per ogni 100 euro scommessi ne perderete esattamente la metà.

STRATEGIA DI BASE DEL SURRENDER

La seguente strategia di base di surrender è calcolata in una partita a sei mazzi con il dealer che sta con un 17 soft. Ricordatevi che soft indica una combinazione raggiunta con l’utilizzo di un asso, mentre hard indica che la somma è stata raggiunta senza l’utilizzo di un asso. Solo due regole:

  • Arrendersi con un 16 hard (tranne 8-8) in caso il dealer abbia un 9,10 o Asso scoperti.
  • Arrendersi con un 15 hard in caso il dealer abbia un 10 scoperto.

Ricordate che questa strategia dipende molto dal numero di mazzi utilizzati nella partita, oltre alle regole di quel tavolo. In generale, questa strategia funziona pricipalmente giocando con 6 mazzi.

ALTRI SUGGERIMENTI

  • Se non siete sicuri se il casinò offra l’opzione di arrendersi, controllate nelle regole del gioco in questione, o semplicemente chiedete al dealer.
  • In alcuni casinò, è possibile arrendersi solo se il banco non ha ottenuto un blackajck. Se la carta scoperta del banco è un 10, il dealer ha diritto a dare un’occhiata alla sua carta scoperta. In caso la sua carta scoperta sia un jack (blackjack) l’opzione di surrender non sarà più disponibile, e perderete la vostra scommessa interamente.
  • In alcuni casinò, l’azione di arrendersi deve essere segnalata verbalmente. In altri, il segnale deve essere effetuato tracciando una linea sul feltro da destra a sinistra con l’indice.
  • Nei tavoli nei quali l’arresa è possibile, il margine della casa è ridotto dello 0.07%. Inoltre, il vostro bankroll rimmarrà più stabile grazie a questa regola.
  • Arrendersi è un’ottima opzione per i contatori di carte perchè permette loro di moderare le entrate e le uscite del bankroll. Calcolando quante carte sono ancora in gioco, il giocatore potrà quindi decidere se continuare la mano o arrendersi in caso ci siano ancora in giro “carte pericolose”.