Il gìoco è riservato ai maggiorenni e può creare dipendenza patologica.

Legal Icons
Scommesse

Messi prossima squadra: lascia il Barcellona?

“Felicità a momenti e futuro incerto”. A qualche giorno di distanza dal battibecco tra il Presidente Abidal e Lionel Messi, il Barcellona si trova costretto a fare i conti con una situazione nel complesso precaria. Le tensioni tra il numero 10 e la dirigenza sono affiorate dopo un mese di delusioni sul campo per il club spagnolo. Più che bufera, è una nebbia fitta che non permette né ai tifosi né alla società di prevedere le intenzioni dell’argentino.

A mettere ancora più ansia alla società, ci sarebbe una clausola del contratto che permetterebbe alla Pulce di liberarsi a parametro zero già per la stagione 2020-2021.

La Liga su NetBet

Messi prossima squadra – una possibile decisione

Il 5 dicembre 2019, Lionel Messi riceveva il suo sesto Pallone d’Oro davanti al pubblico del Teatro Chatelet. Due giorni dopo, la Pulce siglava la sua seconda tripletta in campionato contro il Mallorca, mantenendo i suoi saldi in vetta alla Liga. Alle porte del 2020, i propositi per un altro anno di dominio Messiniano c’erano tutti. E poi, l’inzio della discesa.

Seguono tre pareggi in campionato che permettono al Real di accorciare le distanze. Dopo il 2-2 contro l’Espanyol, il 9 gennaio c’è la semifinale SuperCoppa contro l’Atletico, finita sul 3 a 2 per i madrilegni. Una sconfitta che nega la quinta finale consecutiva al Barcellona. Messi fa quello che può, segna, glie ne annullano uno,  ma non basta.

Non passano nemmeno quattro giorni che la notizia è già sui giornali di tutto il mondo: Valverde esonerato e sostituito dall’ex Betis Quique Setien. In campionato, il nuovo allenatore ottiene subito una vittoria per 1-0 contro il Granada, ancora Messi in gol, seguita da una sconfitta per 2-0 in casa del Valencia. Il Real passa davanti e i bluegrana slittano in seconda posizione.

La lite con Abidal arriverà una settimana più tardi, all’alba dei quarti di Finale di Copa del Rey. Uno scambio di commenti avvenuto tra il direttore sportivo e la star del club che, a 48 ore dalla partita contro l’Atletico Bilbao, aveva aggravato gli umori del Camp Nou.

 

Messi vs Abidal

Il 3 febbraio esce un’intervista sul quotidiano Sport nella quale Eric Abidal, d.s. del Barcellona, commentava così l’esonero di Valverde: “Molti giocatori non erano contenti e non lavoravano granché – Ci sono cose che come ex giocatore sono in grado di annusare. Ho detto al club ciò che pensavo e che bisognava fare qualcosa”.

La replica di Leo Messi non si era fatta aspettare molto. L’attacco arriva con una stories di Instagram  “Faccia i nomi, altrimenti così si finisce per sporcare tutti – Ciascuno si deve assumere le responsabilità delle proprie scelte e delle proprie aree, e non mi piace che si parli pubblicamente di quel che avviene nello spogliatoio”.

A placare gli animi si era messo di mezzo anche il presidente Bartomeu a colloquio con entrambi il giorno dopo. La riunione tra il presidente e il ds dura due ore e si conclude in un verdetto pacifico: niente licenziamento, niente dimissioni, in quanto una rottura avrebbe potuto complicare ancor di più le cose.

Il giorno dopo si giocano i quarti di finale di Copa del Rey contro l’Athletic Bilbao, ed è qui che il Barcellona riceve l’ennesima tegola. I baschi negano ai blaugrana la decima semifinale, vincendo per 1-0 davanti al pubblico del San Mames.

Dove giocherà Messi?

Come al casino, si accettano scommesse live! Con così poche informazioni a disposizione però, non ci resta che speculare sulla possibile prossima squadra di Messi. Se davvero dovesse finire tra Messi e il Barcellona, sarebbero davvero pochi i club che potrebbe permettersi un tale lusso. Tra i primi nomi della lista dei pretendenti ci sono Manchester City e Manchester United.

A suggerire i primi come possibile opzione, c’è la reunion con coach Guardiola con il quale il numero 10 aveva condiviso lo spogliatoio. Nei quattro anni di militanza sulla panchina del Camp Nou, Guardiola era riuscito a portare a casa 3 campionati, 2 Champions League, 2 Copa del Rey e 3 Super Coppe. Al di là dei legami personali, Il Manchester City dispone delle finanze necessarie per l’ingaggio dell’argentino. Guardiola però ha già commentato con un secco “Pensa che Messi finirà la sua carriera al Barcellona”.

Un altro colosso dall’ampio budget disposto all’acquisto potrebbe essere il PSG. L’addio di Neymar, che Leo considera vitale, e il suo mancato ritorno, potrebbero pesare sulla bilancia. Attenzione anche all’Italia dove Leo potrebbe tornare per ritrovarsi faccia a faccia con l’avversario di sempre CR7.

CATEGORIE